23 aprile 2014

I DISCHI ITALIANI PIU' VENDUTI DEGLI ANNI '90





Sino ai vent'anni ogni giorno è un nuovo romanzo, una storia dentro la storia. Ti alzi e vivi tutto con l'entusiasmo e la sfacciataggine di chi si sente vivo, e il tuo cuore rimbomba pieno, rock. Poi i giorni iniziano a correre, come se qualcuno avesse pigiato "l'avanti veloce" sulla macchina del tempo senza che tu te ne sia reso conto. Gli anni zero non sono mai esistiti, io non me li ricordo.
Penso a ieri come fossero ancora gli Anni '90, lo zaino Invicta, le cassette della TDK, il gol di Baggio alla Nigeria, i marocchini con i cd masterizzati agli angoli delle strade, le radioline su "Tutto il calcio minuto per minuto", il Karaoke, il Festivalbar e Mai dire Gol con Aldo Giovanni e Giacomo, Qualcuno si è rubato i miei anni zero e qualcun altro inizia a darmi del lei. Magari un giorno scoprirò chi ha accellerato il tempo. Voglio fargli male.

                           LA CLASSIFICA DEI 100 PIU' VENDUTI DEL DECENNIO

Ho ancora addosso la salsedine della musica di quegli anni, le cassette di mio padre e le infinite scorribande in bici col walkman. Incuriosito, sono andato a cercare quali sono state le canzoni italiane più vendute nel decennio. Devo dire grazie al bel libro "Artisti in classifica" di Jon Joseph Spinetoli (di Musica & Dischi) e ammetto che molti dei pezzi presenti (singoli e non album, sia ben chiaro) mi hanno sorpreso non poco:

1) "Un'estate italiana" di Gianna Nannini & Edoardo Bennato
2) "Gli spari sopra" di Vasco Rossi
3) "Perché lo fai" di Marco Masini
4) "Vattene amore" di Amedeo Minghi & Mietta
5) "Il mio nome è mai più" di 
Luciano Ligabue - Jovanotti - Piero Pelù
6) "Sotto questo sole" di Francesco Baccini & i Ladri di Biciclette
7) "Se stiamo insieme" di Riccardo Cocciante
8) "Rapput" di Claudio Bisio & Rocco Tanica
9) "Penso Positivo" di Jovanotti
10) "Scrivimi" di Nino Buonocore
11) "50 Special" dei Lunapop
12) "Sei un mito" degli 883
13) "Il cielo" di Fiorello
14) "Pippero" degli Elio e le Storie Tese
15) "Uomini soli" dei Pooh
16) "Come mai" degli 883 & Fiorello
17) "Non amarmi" di Aleandro Baldi & Francesca Alotta
18) "Spunta la Luna dal monte" di Pierangelo Bertoli & Tazenza
19) "Attenti al lupo" di Lucio Dalla
20) "Scandalo" di Gianna Nannini
21) "Hanno ucciso l'Uomo Ragno" degli 883
22) "Mare mare" di Luca Carboni
23) "Disperato" di Marco Masini
24) "La fine del millennio" di Vasco Rossi
25) "Per te" di Jovanotti
26) "Solo una volta" di Alex Britti
27) "Si o no (Please don't go)" di Fiorello
28) "Gli altri siamo noi" di Umberto Tozzi
29) "Serenata rap" di Jovanotti
30) "San Martino" di Fiorello
31) "La forza della vita" di Paolo Vallesi
32) "Il paese dei balocchi" di Edoardo Bennato
33) "Le persone inutili" di Paolo Vallesi
34) "Delusa" di Vasco Rossi
35) "La solitudine" di Laura Pausini
36) "Laura non c'è" di Nek
37) "Radio Baccano" di Gianna Nannini & Jovanotti
38) "Più bella cosa" di Eros Ramazzotti
39) "Ti spacco la faccia" del Gabibbo
40) "Da me a te" di Claudio Baglioni
41) "Oggi un Dio non ho" di Raf
42) "Varietà" di Gianni Morandi
43) "Blu" di Zucchero
44) "Siamo soli nell'immenso vuoto che c'è" di Raf
45) "Io no" di Jovanotti
46) "Le donne di Modena" di Francesco Baccini
47) "Oggi sono io" di Alex Britti
48) "E mi arriva il mare" di Riccardo Cocciante & Paola Turci
49) "La terra dei cachi" degli Elio e le Storie Tese
50) "Bella signora" di Gianni Morandi
51) "Nord Sud Ovest Est" degli 883
52) "Il battito animale" di Raf
53) "Strani amori" di Laura Pausini
54) "Meravigliosa creatura" di Gianna Nannini
55) "Il cerchio della vita" (Il Re Leone) di Ivana Spagna
56) "A" di Francesco Salvi
57) "Qua qua quando" di Francesco Baccini
58) "Tu si" di Mango
59) "Nenè" di Amedeo Minghi
60) "Peter Pan" di Enrico Ruggeri
61) "Chiuditi nel cesso" degli 883
62) "A...mare" di Scialpi
63) "Donna con te" di Anna Oxa
64) "Una vita da mediano" di Luciano Ligabue
65) "Due" di Raf
66) "Generazione di fenomeni" degli Stadio
67) "Rotta x casa di Dio" degli 883
68) "Senza parole" di Vasco Rossi
69) "Non m'annoio" di Jovanotti
70) "Cose della vita" di Eros Ramazzotti
71) "O Scarrafone" di Pino Daniele
72) "Tranqi Funky" degli Articolo 31
73) "Ci vuole un fisico bestiale" di Luca Carboni
74) "Un raggio di sole" di Jovanotti
75) "Dubbi no" di Mietta
76) "Come passa il tempo " di Maurizio Vandelli & Dik Dik & Camaleonti
77) "Portami a ballare" di Luca Barbarossa
78) "Gli amori" di Toto Cutugno
79) "Va, Pensiero" di Zucchero
80) "Mistero" di Enrico Ruggeri
81) "L'ombelico del mondo" di Jovanotti
82) "La donna di Ibsen" di Irene Fargo
83) "Gente come noi" di Ivana Spagna
84) "Gioconda" dei Litfiba
85) "Cercami" di Renato Zero
86) "Giulio Andreotti" di Francesco Baccini
87) "Mi piaci" di Alex Britti
88) "Zitti zitti (Il silenzio è d'oro)" degli Aeroplani Italiani
89) "Canzone" di Lucio Dalla
90) "Confusa e felice" di Carmen Consoli
91) "L'impossibile vivere" di Renato Zero
92) "Spiagge" di Fiorello
93) "Senza averti qui" degli 883
94) "Acida" dei Prozac+
95) "Bucatini disco dance" di Paolo Bonolis & Luca Laurenti
96) "Quanto amore sei" di Eros Ramazzotti
97) "Fuori" di Irene Grandi
98) "Supercafone" di Er Piotta
99) "Primavera" di Marina Rei
100) "E dimmi che non vuoi morire" di Patty Pravo

"Un'estate italiana" dell'accoppiata Bennato-Nannini (ma scritta da Giorgio Moroder, diamo a Giorgio quel che è di Giorgio) segnò una delle più belle stagioni del Belpaese. Non eravamo ancora entrati nella spirale Tangentopoli e negli anni delle stragi di mafia: l'aria profumava ancora di ottimismo e buone intenzioni. Il Mondiale in Italia portò entusiasmo e pur non vincendo, la Nazionale di Vicini fece da traino alla canzone. Ammetto di essere felice di questo primo posto, mi ricorda le giornate a guardare le partite sul piccolo televisore in bianco e nero che mi aveva regalato mio nonno, gli occhi spiritati di Schillaci e i cortei sino a tarda notte.
Vasco Rossi (di cui abbiamo appena recensito "Dannate nuvole") deve accontentarsi del secondo posto, con un'azzeccatissima cover. "Gli spari sopra" è infatti la fedele copia di "Celebrate" dei misconosciuti An Emotional Fish e vendette 200mila copie nei primi tre giorni. Ritroviamo il Komandante anche al 24° posto con "La fine del millennio" (pezzo che ho sempre amato poco), al 34° con la celeberrima "Delusa" e al 68° con la splendida "Senza parole". Stupisce la mancanza di "Sally" e de "Gli Angeli", i capolavori del Blasco del decennio.
Chiude il podio Marco Masini con "Perché lo fai", che bissa al 23esimo con "Disperato". A mio modo di vedere non i suoi pezzi migliori. Ben altra cosa sarebbe stata vederlo in classifica con la deliziosa "Ci vorrebbe il mare" o con l'intensa "Principessa".
A seguire arriva il nazionalpopolare zuccheroso di Amedeo Minghi e Mietta, un duetto entrato negli annali della musica italiana, a braccetto con l'impegno de "Il mio nome è mai più", singolo del curioso trio Liga-Jova-Pelù i cui proventi furono destinati ad Emergency.

Due cose saltano subito agli occhi:
- l'accoppiata Sanremo-vendite in questo periodo era ancora solidissima. Nei primi 100, sono ben 33 le canzoni uscite dal palco dell'Ariston.
- il trionfo di Claudio Cecchetto come produttore. Dalla sua scuola, sono usciti Jovanotti, gli 883 di Max Pezzali e Mauro Repetto, e Fiorello. Andiamo a riepilogare: sette canzoni in classifica per gli 883, nove per Lorenzo Cherubini e persino quattro per Fiorello, che all'epoca spopolava con le sue cover. Un trionfo.

Strepitoso il risultato di "Rapput", divertissement dell'accoppiata Claudio Bisio-Rocco Tanica che rimase due mesi al vertice della classifica ed è ormai diventata un cult, a cui segue a poca distanza il "Pippero" degli Elii. Non l'avrei detto, pensavo fosse dietro a "La terra dei cachi" che invece è solo 49esima.
La classifica regala scampoli di gloria a tanti personaggi ormai finiti nel dimenticatoio. Penso a Irene Fargo e agli Aeroplani Italiani, che stupirono Sanremo con l'intermezzo di silenzio - a metà canzone - più lungo che la kermesse ricordi. Penso anche a Paolo Vallesi, che in quegli anni spopolava, a Nino Buonocore (che non ha mai replicato il successo di "Scrivimi"), a Scialpi o ad Aleandro Baldi e Francesca Alotta, che inondarono Sanremo con quintalate di miele.
Strana la mancanza di un evergreen come "Certe notti" del Liga, che si salva in corner con la minore "Una vita da mediano". Medesimo discorso farei per Zucchero, che salva la faccia - per modo di dire, sia chiaro - con "Blu" e "Va, pensiero", certo non la crema della sua lunga carriera. Grandiosi risultati per Francesco Baccini, che spara ben quattro hit-single, e trovano invece il loro posto al sole anche alcuni monumenti della nostra canzone, ovvero Eros Ramazzotti, Renato Zero, Claudio Baglioni, Lucio Dalla, Gianni Morandi, Enrico Ruggeri e Raf.
E il rock? Desaparecido, e così mi riallaccio all'unico battito di vita del genere, quello dei Litfiba (di cui abbiamo parlato qui), che appaiono con la meravigliosa "Gioconda". Nient'altro, ma del resto, in un paese che compra dischi come quelli del Gabibbo, di Francesco Salvi o la Bucatini Disco Dance di Bonolis e Laurenti, cosa vi aspettavate?

2 commenti:

Marco Goi ha detto...

che classifica tremenda!
a questo punto non so se sia peggio la musica italiana di oggi o quella di allora... :)

Antonello Vanzelli ha detto...

Salvo poco, molto poco. Altre cose mi fanno spuntare un sorriso ebete di nostalgia. Ma siamo e saremo sempre un popolo di inguaribili poppettari, c'è poco da fare...