13 aprile 2013


 
SEMPLICI OMAGGI  O        

PLAGI SPUDORATI - Pt. 2





LED ZEPPELIN - Lungi da me infangare il buon nome di Plant e soci (chiacchiere, non me ne può fregar di meno...) ma qui c'è roba pesante. In origine fu "You need love" di Willie Dixon, cantata da Muddy Waters (1963). A questa seguì la cover (o cosi sembra almeno) "You need loving" degli Small Faces e infine apparve dalle acque "Whole lotta love" (1969) degli Zeppelin. Ascoltate, è meglio:



e qui l'antesignana:


I Led Zeppelin, con poco ritegno, ne saccheggiarono anche il testo. Willie Dixon ha fatto causa al gruppo - vincendola chiaramente - e ora il suo nome appare tra i crediti. Anche Wikipedia ormai la bolla come "rielaborazione": Page e Plant dietro la lavagna.

Cosa? C'è dell'altro? Abbiamo solo iniziato.
"Stairway to Heaven" (1971), nell'arpeggio iniziale, avvicina "Taurus" degli Spirit (1968). Ascoltiamole rapportate:


Qui si tratta solo dell'inizio, certo, però i Taurus erano amici degli Zeppelin e avevano anche fatto un tour insieme. Saranno 5 note (ne servono 8 per il plagio) però non si può nemmeno parlare di citazione o omaggio, è una paraculata bella e buona.

Uno degli omaggi dichiarati da Jimmy Page è stato fatto con "Bring it on home" a Sonny Boy Williamson II e alla sua "Bring it on home": un blues con inizio e fine molto simili. Ok Jimmy, capisco l'omaggio, pensiero apprezzabile, ma non sarebbe stato male cambiare almeno il titolo...

Gli Zeppelin hanno, in più di un'occasione, rilavorato e migliorato pezzi dell'epoca già editi. Lampante il caso di "Dazed and confused", scritta da Jake Holmes e inserita nel suo album "The above ground sound". Lo stesso Holmes, a quel tempo, chiese che gli venissero riconosciuti i diritti di tale pezzo, per poi lasciar perdere, per non macchiare l'integrità del gruppo.
Ascoltiamole:


e la precedente:


Rilavorato si, quello si. Anche in questo caso, però, cambiare almeno il titolo non sarebbe stato male, ecco.
La cosa surreale è che tale Jake Holmes ha cambiato idea e nel 2010 ha deciso di fare causa agli Zeppelin... Beh, che altro dire, ci ha messo solo 41anni a decidersi.
Un'altra scopiazzatura riguarda il riff di "Your time is gonna come" che riprende "Dear Mr. Fantasy" dei Traffic. Alelluia, ce l'hanno fatta: stavolta hanno almeno cambiato il titolo.

NEGRITA - E ora passiamo a quelli che si sono, diciamo cosi, ispirati, al gruppo britannico. I Negrita, nella recente "Brucerò per te" hanno platealmente citato l'intro di "All of my love": loro affermano sia stato un omaggio, cosa diversa dal plagio, soprattutto in termini di royalties.

video

Tra quelli che hanno preso qualcosa ai Led Zeppelin, citiamo anche il Celentano di "Tir" del 2000 che ricorda da vicino "Kashmir" (1975), volutamente omaggiata (parole di Tom Morello) dai Rage against the machine nell'inizio (solo nell'inizio, attenzione) della loro "Wake up" del 1999.


ecco invece la recente canzone del Molleggiato:


 e la versione dei RATM,


Chiudiamo l'argomento, dicendo che persino Gigi D'alessio nella sua "La donna che vorrei" ha scopiazzato "I'm gonna leave you": questa, però, sono buono e ve la risparmio

CLUB DOGO - L'estate 2012 ha segnato l'esplosione definitiva dei Club Dogo con "P.E.S.", canzone supportata dal ritornello scritto e cantato da Giuliano Palma.
Dopo qualche mese è spuntata fuori una polemica, riguardo la seguente canzone live dei Locomondo intitolata "Pro", anch'essa dedicata al celebre videogioco di calcio e precedente di alcuni anni.


Sono volate feroci critiche al gruppo, per poi scoprire che nel libretto era tutto scritto. Hanno fatto un campionamento del pezzo dei Locomondo e fare campionamenti, in ambito hip-hop, è una prassi comunissima. Certo, oltre al campionamento, hanno preso anche lo stesso argomento ma quello è un altro discorso...

LUCIO BATTISTI - Restiamo in casa nostra con l'immenso Battisti, a cui, ahinoi, dobbiamo tirare le orecchie per la sua "I giardini di Marzo" (1972), versione rallentata de "Mr. Soul" di Neil Young, uscita qualche anno prima (e cantata dai Buffalo Springfield). Eccole:


e qui Neil Young:


ma per non farci mancare nulla, c'è di nuovo Vecchioni che, dopo aver copiato "Samarcanda", copia Battisti che aveva copiato Neil Young, et voilà!


FRANCESCO DE GREGORI - Tocca bastonare anche lui, ahimè. La meravigliosa "La leva calcistica della classe '68" (1982)


ha fin troppe analogie, anche nella parte cantata, con "The great discovery" di Sir Elton John (1970). Ascoltatela con attenzione fin dopo l'intro:


Direi che non sono mancati i manrovesci a destra e a sinistra, prossima volta ce ne saranno anche per i Red Hot Chili Peppers, per Madonna e per tanti altri.
Ah, next time, una novità: degli splendidi esempi di plagi di videoclip. Si, a volte si arriva a copiare anche i video.


Ps. Grazie a Giovanni Marinelli per il video sull'affair Negrita-Zeppelin. A proposito, lui no, di plagi non ne fa ed è uno bravo, tenetelo d'occhio:
http://www.giovannimarinelli.it/

4 commenti:

Luxia ha detto...

Ciao, senti potresti cercarmi l'analogia tra "all the time in the world" il nuovo pezzo dei deep purple, con una vecchissima canzone da febbre del sabato sera dance anni 70-80 cantata da gente di colore , più veloce ... io ricordo solo come faceva e qualche parte del video... l'ascoltavo spesso nelle vecchie cassette di mia madre che metteva in discoteca, e quando ho sentito la nuova dei deep purple m'è venuta subito a mente... ma non ricordo nè nome nè titolo, nè il cantante o la band come si chiamasse...

Antonello Vanzelli ha detto...

Ciao Luxia,farò il possibile ma la produzione dance è sterminata e non so se conosco la canzone a cui fai riferimento...Ad ogni modo ci proverò dai ;-)

simone ha detto...

pippo franco ha copiato pari pari una canzone che si intitola kirie kirio dei black blood, e l'ha portata a sanremo come chichichicococo

Antonello Vanzelli ha detto...

Questo plagio non lo sapevo,l'ho ascoltata ora, uguale!E dire che conosco bene la canzone di Pippo Franco, una di quelle canzoncine simpatiche per bambini. E ha avuto anche un discreto successo...Hai capito Pippo...